Composizione dei Liquidi Sigaretta Elettronica

Quando si parla di sigaretta elettronica – anche nota con il nome di e-cig – si fa riferimento a quel tipo di dispositivo che sta lentamente sostituendo le “bionde”, ovvero le tradizionali sigarette che da decenni sono presenti sul mercato.

A differenza delle normali, l’elettronica è anche un tipo di dispositivo che presenta un vantaggio davvero unico: infatti, all’interno di questo strumento si possono trovare diversi Liquidi Sigaretta Elettronica di composizione differente, e tra questi liquidi non è scontato che sia presente anche la nicotina, che è poi quel tipo di prodotto che causa la dipendenza da sigarette. La nicotina può essere presente o meno, ed in ogni caso essa può avere delle caratteristiche indicazioni: può essere presente in quantità diverse, per chi, per esempio, vuole lentamente disabituarsi al vizio del fumo, oppure può essere totalmente assente per chi usa la sigaretta elettronica non come sostituzione.

Ma di cosa può essere composta una sigaretta elettronica, e quali sono i liquidi sigaretta elettronica più comuni?

Partiamo dal presupposto che quando si fa riferimento a questo dispositivo elettronico non si dice fumare ma si dice svapare: i ‘vapori’ che si creano sono, appunto, i liquidi che si immettono nella sigaretta elettronica, che possono essere di diverso tipo, più o meno aromatici a seconda della loro composizione, e che per questo motivo possono rispondere a diverse necessità di chi si avvicina a questo mondo.

A chi sostiene che i liquidi siano dannosi, al momento si può rispondere con estrema certezza che non vi sono studi secondo i quali essi possano comportare un problema per la salute di chi svapa: ovviamente, acquistando i liquidi sigaretta elettronica in negozi specializzati e sicuri anche in rete – ed evitando le composizioni poco chiare o di cui si ignora la provenienza – si può stare per lo più tranquilli sulla sicurezza dei prodotti.

In linea di massima, la sigaretta elettronica può contenere:

  • Nicotina, seppur in quantità diverse a seconda dei casi e delle necessità;
  • Acqua;
  • Glicole propilenico, dalle proprietà batteriostatiche e con la caratteristica di essere incolore, insapore, umettante;
  • Glicerina vegetale (o glicerolo) per dare più corpo al vapore;

Aromi, che possono essere di diverso tipo a seconda dei gusti e delle esigenze di chi svapa: si possono utilizzare aromi alla menta, al cocco, alla liquirizia, o ancora aromi fruttati e dolciastri oppure più amari, senza dimenticare, ovviamente, il caratteristico amaro al tabacco, che conferisce alla sigaretta elettronica lo stesso sapore della normale.

Condividi!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *