Chi sono i broker?

Chi sono i broker finanziari?

Come tutti sano il trading online offre a chiunque la possibilità di poter operare in modo diretto, ma data l’introduzione di piattaforme e software specifici non è più possibile poter improvvisare.

Per i principianti che vogliono cimentarsi da soli all’interno del mondo del forex trading oggi si hanno tutti gli strumenti idonei a patto di possedere qualche notizia di base sulla materia.

Il primo passo da apprendere è che il broker “fai-da-te” non può aspettarsi di conseguire dei notevoli guadagni nel breve periodo, il segreto è quello di guadagnare in modo costante nel tempo con piccoli investimenti.

Per quelli che desiderano guadagnare sin da subito è bene affidarsi ad un operatore broker forex esperto o iniziare a studiare per comprendere come diventare un broker finanziario.

Chi è il forex broker?

Sono operatori finanziari che immettono all’interno del mercato forex, in modo autonomo, tutti gli ordini di compravendita, ovvero si occupa di  raccogliere le varie richieste di acquisto e/o vendita e li esegue inserendoli nel mercato.

I compiti dell’operatore forex

L’ operatore finanziario deve prima di tutto conseguire  un guadagno/stipendio dal servizio che propone, questo è il primo punto da fissare.

Il guadagno si attesta in base  al differenziale (o spread) tra il prezzo di acquisto e quello di vendita.

Il concetto è decisamente più chiaro tramite un valido esempio:se si decide  di puntare sulle quotazioni della coppia valutaria € (euro) $ (dollaro statunitense), il broker secondo il nostro volere ne segue l’andamento.

Se decidiamo di comprare €/$ significa che vogliamo acquistare € e vendere $, quindi se l’euro è più forte sul dollaro, la quotazione cresce.

Se la quotazione €/$ è pari a 1,40 vuol dire che l’€ ha un valore quasi di 1 dollaro e mezzo.

Quando compra effettua un “ASK”, quando vende il prezzo è “BID”.

Cosa vuol dire ?

L’operatore finanziario scova  il proprio margine di guadagno in una piccola maggiorazione sulla quotazione effettiva di solito fissata sulle 4-5 cifre decimali: su una quotazione reale €/$ di 1,4056, si può pagare effettivamente 1,4058 (1,4056+0,0002).

La maggiorazione prende il nome di PIP (Percentage in point) ed è la più piccola unità di misura di un prezzo Forex e può oscillare tra 1 e 2.

Nell’esempio presentato il differenziale che viene applicato dal broker si attesta sui 2 pips, il  proprio margine di profitto incide in piccola parte sui nostri guadagni.

Condividi!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *